L’extra Menù al Tartufo Bianco

L’extra Menù dedicato al Tartufo Bianco

Da venerdì 5 ottobre, presso la La cantina del latte, troverete un MENÙ EXTRA tutto dedicato a questo speciale ingrediente.
Il tartufo bianco è un fungo ipogeo, ossia che cresce spontaneamente in ambiente sotterraneo. Esso si presenta in diverse forme, da globosa a piatta. Il tartufo bianco nasce e si sviluppa in terreni particolari, con caratteristiche specifiche, motivo che lo rende molto raro e ricercato. Il terreno dove si sviluppa deve essere:

  • Soffice e umido
  • Ricco di calcio
  • Molto areato

Il tartufo per molti è un oggetto misterioso, che affascina ma al tempo stesso genera timori e perplessità.
Ci sono poi alcune caratteristiche che variano a seconda dei singoli esemplari.

Le caratteristiche del tartufo bianco:

Aspetto: il tartufo bianco ricorda una patata, di forma più o meno irregolare, a seconda del terreno dove il Tartufo bianco si sviluppa: se la terra è dura o piena di sassi e di radici, il tartufo sarà più irregolare; al contrario, se la terra è più friabile, il tartufo avrà un aspetto liscio e regolare, e di conseguenza sarà più ricercato e costoso.
Dimensioni: variano da quelle di una  noce a quelle di una grossa arancia.
Colore: il tartufo bianco si presenta con polpa che va dal color marrone al nocciola, e può presentare sfumature rosate e venature biancastre; si tratta di caratteristiche che variano a seconda del suo grado di maturazione e della pianta con cui il tartufo bianco vive in simbiosi.

La ricerca
Andare per boschi in cerca di tartufi è un’esperienza unica, ma è fondamentale sapere come trovarli e utilizzare la giusta tecnica per estrarli dal terreno senza distruggerne le spore e rimettendo a posto il terreno rimosso. La prima cosa che colpisce non appena li si estrae da terreno, resta comunque l’intenso profumo che sprigionano, lo stesso che ne ha decretato il grandissimo successo nelle cucine di tutto il mondo.

Dove crescono
Da questo reticolo si forma poi il corpo fruttifero grazie alla germinazione delle spore. Le piante da avvicinare per avere più possibilità di trovare il tartufo bianco sono cerro, rovere, pioppo, salice bianco, tiglio e nocciolo.

Vi aspettiamo presso il nostro ristorante con un menù extra, tutto dedicato a questo ingrediente speciale.